sabato 25 febbraio 2012

Nascita di un gioiello a 4 mani

Le rose vanno forte, è un bel soggetto e vanno bene in ogni occasione, ma quando Giovanna ne ha chiesta una con la montatura in argento, il lavoro era da fare da cima a fondo; la parte pittorica spetta a me, mentre la montatura in argento è di competenza della mia orafa di fiducia: la mia cara amica Elena Pavan che purtroppo abita a qualche centinaia di km da me.
La distanza aimè complica un po' le cose perchè ci tocca lavorare per vie "postali"...Comunque dopo aver dipinto la rosa per Giovanna, tanto per non sprecare colore ne ho fatte un altro paio di scorta, così da poterle offrire anche una scelta della marmorina come grandezza o colore.




Nella fase successiva si stende uno strato di vernice vetrificante per proteggere il dipinto da graffi o ingiurie del tempo (per qualche motivo, forse perchè ogni sasso è fatto a modo suo, in alcune marmorine la vetrificazione viene molto bene, in altre no...)


Quando è tutto asciutto, spedisco le marmorine ad Elena che comincia a valutare il lavoro da fare in base alle richieste e al tipo di marmorina da montare...le migliori sono quelle piccole e sottili, ma sono pur sempre ciottoli e son fatti a modo loro!
Lei poi prepara i prototipi in cera che precede la fusione in argento(...un giorno guarderò come fa nel suo laboratorio!)


Ed infine completa l'opera limando gli eccessi, incastonando pietre o altro di ciò che è stato progettato e lucidando ben bene il tutto. Oooohhhh!!!!




SPLENDIDO RISULTATO!


MERAVIGLIOSO GIOIELLO!


OTTIMA COLLABORAZIONE! :-D Ora anche su eBay!!!! http://stores.ebay.it/GIOIELLI-DI-DONNA

8 commenti:

a ferri e pennelli ha detto...

Meravigliosi,brave!!!Buona domenica Dona.

Scarabocchio ha detto...

Voi due già da sole siete un portento: messe insieme siete una vera bomba!
E' bellissimo questo tuo modo di narrare con enfatica semplicità la gestazione e la nascita di un gioiello dal così inestimabile valore.

Le rose sono bellissime e prestanti per ogni evento amoroso o festoso che si rispetti: con l'incastonatura in argento poi assumono un significato ed un valore che và ben oltre il semplice pensiero.

E' una vera jattura la fase di vetrificazione che talvolta pregiudica il risultato finale: proprio non c'è verso di risolvere diversamente?

Dona ha detto...

Grazie Margherita :-D e buona domenica anche a te!

Elena ha detto...

Dona!! Devo far fare i post a te!!Io ultimamente sono così pigraaaaaa!!
Stavo pensando...hai mai provato delle vernici invece del vetrificante??Perchè il vetrificante è eccezzionale ,credo che sia veramente indistruttibile,ma visto che si tratta di ciondoli si potrebbe tentare una verniciatura che comunqeu non comporta rischi indossandola.....pensiamoci.

Dona ha detto...

Oibò scarabocchio, schiacci un tasto dolente...ancora non riesco a capire da cosa può dipendere la buona riuscita del vetrificante, prima credevo si trattasse di polvere, ma sto molto attenta, pulisco il sasso prima e lo copro subito dopo, poi credevo si trattasse di tracce di unto delle dita, ma anche pulendo ben bene non rieco ad evitare il problema..poteva essere il colore, ma allora a parità di dipinto perchè su un sasso sì e su un altro no...poi ho pensato che si trattasse della dose dei componenti, in piccolissime quantità faccio fatica a fare le dosi giuste, hanno densità diverse, ..poi ho pensato che forse dovevo dare al vetrificante più tempo per "riposare" prima di stenderlo sul sasso..ma nemmeno quello è... Sommando tutti i "forse è questo o quello" riesco ad ottenere dei pezzi molto ben fatti, ma nella stessa "covata" ci sono anche quelli un po' così così.. :-( tento di correggerli fino all'ultimo seguendoli per ore durante l'indurimento, fino al punto in cui il vetrificante è troppo duro per essere toccato senza creare danno..ma è sempre un terno all'otto!
Mi mangio ancora le mani quando vedo certi disastri su soggetti perfettamente riusciti :-(((((
Comunque grazie Anna, e il lavoro di Elena sa sempre tirarmi su il morale! ;-D

Dona ha detto...

lo SSSplendido lavoro ...di quella sottopagata di Elena! ;-p

Dona ha detto...

Elena, sì, ho provato un altro tipo di cristallizzante, fa un effetto vernice lucida ma non come il vetrificante;
sai che ho provato anche ad usarli insieme, prima il cristallizzante, per escludere che fosse un difetto dei colori o del diluente dei colori, e poi il vetrificante, ma ho riscontrato lo stesso terno all'otto ed in più troppe vernici smorzano la brillantezza dei colori...

Dona ha detto...

il cristallizzante di solito lo uso per cose tipo orecchini o marmorine che non sono destinate ad eccessivi sfregamenti...